La Notte dei senza dimora
Raccontaci la tua Notte!
Perchè non provate a raccontarci la vostra Notte dei Senza Dimora? Che si tratti di Milano, di Trento, di Cantù, di Foggia o di Catania...Cosa vi è rimasto? Raccontatecelo con una foto, un video, un post. Così nessuno potrà più permettersi scrivere che la Notte “Non serve”.
  • [ 0 commenti ]

(Foto di Teresa Manuzzi) Sono passati 6 giorni dalla Notte dei Senza Dimora – Milano. Ci auguriamo che siate riusciti a recuperare le ore di sonno perse durante la notte tra sabato 20 e domenica 21 ottobre, e ci auguriamo che, per voi, sia stata un' esperienza intensa e non solo “bella”. Ci auguriamo che vi sia rimasta un'emozione impigliata nella cerniera lampo del sacco a pelo. Ci auguriamo che oltre alla veloce e superficiale sensazione di felicità, per via della festa, delle musica e dei balli, vi sia rimasta una domanda, un dubbio, una considerazione. Se così è stato vorrà dire che la notte non è passata invano.

Diciamo questo perchè spesso, navigando in rete, può capitare di leggere commenti poco piacevoli su blog che hanno deciso di sostenere la Notte. Eccone uno per tutti: “Non serve sperimentare una notte all'addiaccio per capire la drammaticità della situazione di chi non ha lavoro”.

A COSA SERVE LA NOTTE?

Ecco, sarebbe meglio spiegare che l'iniziativa nasce per sensibilizzare la cittadinanza e obbligare media e gente comune ad accendere l'attenzione, almeno per una notte, su quelli che i mezzi di comunicazione chiamano “invisibili”. L'iniziativa poi è promossa da associazioni che ogni giorno e ogni notte di occupano di offrire assistenza e alternative di vita dignitosa ai senza dimora. Certo, una notte per strada non cambia la vita, ma cambia la prospettiva di chi vi partecipa. La presenza di tanti cittadini comuni che passano la notte all'addiaccio mira soprattutto ad interrogare le istituzioni sul welfare e sui servizi offerti a chi vive nella povertà più nera, spesso infatti il primo passo per risolvere un problema è porlo.

INFORMARE PER AGIRE

Durante la Notte, inoltre, è sempre possibile ricevere dati, informazioni e indicazioni utili per conoscere meglio la povertà e la vasta rete di associazioni che silenziosamente cercano di combatterla. E un cittadino informato soprattutto durante l'inverno potrebbe salvare una vita.

In occasione della Notte dei Senza Dimora la piazza diventa un porto franco dove la cena, il girotondo, il sonno... sono delle “corsie preferenziali” per arrivare a conoscere le storie di chi è costretto a vivere per strada. Si tratta di persone che spesso rifiutano di essere avvicinate e non amano essere riprese o fotografate. Durante la Notte alcuni senza dimora decidono di parlare , di aprirsi, di raccontare e noi, per una notte, non li evitiamo, non abbassiamo lo sguardo e ascoltiamo.

 

RACCONTACI LA TUA NOTTE!

Voi cosa ne pensate? Perchè non provate a raccontarci la vostra Notte dei Senza Dimora? Che si tratti di Milano, di Trento, di Cantù, di Foggia o di Catania... Cosa vi è rimasto? Raccontatecelo con una foto, un video, un post e noi lo pubblicheremo sul blog della Notte dei senza dimora e sulla pagina facebook. Così nessuno potrà più permettersi di scrivere che la Notte “Non serve”.

INVIATE LE VOSTRE ESPERIENZE A nottesenzadimora@terre.it

  • [ 0 commenti ]
Per inserire un commento registrati o effettua il login in alto a destra
0 commenti

Rubriche