Visite guidate alla città nascosta
Prima visita 'Razza di città: visite guidate alla Milano nascosta'
Appuntamento per sabato 24 ottobre, ore 15.30 La Milano degli stranieri in difficoltà
  • [ 0 commenti ]

Insieme nelle Terre di mezzo onlus e Fondazione Culturale San Fedele organizzano un ciclo di visite guidate nella Milano degli stranieri: non si scoprono monumenti, ma persone ed esperienze reali che ogni giorno scrivono e descrivono un pezzo di storia della nostra città tanto quanto la Madonnina o il Castello Sforzesco.
Il primo percorso proposto sarà alla scoperta della città nascosta degli stranieri in difficoltà: chi sono, dove dormono, come si curano e come difendono i propri diritti i migranti senza permesso di soggiorno? E soprattutto cosa sperano di trovare nella nostra città?
A guidare i visitatori sarà proprio un ex "clandestino", affiancato dai medici e dagli avvocati del Naga e del San Fedele, due organizzazioni che offrono assistenza gratuita anche a chi non ha i documenti in regola.


Sabato 24 ottobre, alle 15.30 nelle sedi delle due associazioni avranno luogo due visite guidate parallele che mostreranno una Milano spesso sconosciuta agli stessi milanesi.

Partecipazione gratuita, ma con prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento posti
Info e iscrizioni: volontarimilano@terre.it oppure 347.3961139

Questa iniziativa è la prima del ciclo di visite guidate che si svolgeranno tra ottobre e maggio, attraverso la città nascosta dei nuovi cittadini di Milano. Le prossime in programma porteranno i visitatori attraverso i luoghi di culto degli stranieri (durante il periodo natalizio), nella Chinatown dei cinesi di seconda generazione, nella Milano della cultura e dell'intrattenimento d'origine straniera (dalle videoteche indiane agli attori e alle attrici di colore che provano a fare il loro mestiere in Italia) o ancora attraverso la città sempre meno nascosta degli imprenditori immigrati, che producono l'8% del Pil nazionale. L'ultima visita sarà poi dedicata alla zona più multietnica della città, via Padova.

Questa iniziativa, che ha ricevuto il sostegno di Fondazione Cariplo e Ciessevi, vuole creare un'occasione di incontro e scambio tra cittadini italiani e stranieri in un momento storico in cui sempre più spesso e con più forza torna a farsi viva la paura verso tutto ciò che è "straniero".

Questa forma di "turismo responsabile" a Milano, città con una presenza di migranti sempre più alta, si basa sull'incontro con e tra le persone, anziché sul nozionismo tipico nella visita di monumenti e itinerari classici. Per questo, la chiave dell'iniziativa sta soprattutto nelle persone scelte come "guide", che saranno sempre protagonisti di ciò che viene raccontato, coinvolgendo e facendo rete con le varie organizzazioni che operano in questo campo sul territorio.

 

 

  • [ 0 commenti ]
Per inserire un commento registrati o effettua il login in alto a destra
0 commenti

Eventi
Rubriche